Nove (A Silvia) o (Concerto di voci diverse)


Sento una compagnia che non si stanca e sembra dirmi che non ho età, intanto faccio una strada di sensi unici, di buche e sassi, di ossa rotte. E’ una pozzanghera di poche dita ma sembra fatta di nero fondo.

Nuove camicie non hanno polso per sostenermi.

Ma improvvisa schiocca una calza e suona, muove improvviso un battito, si scuote un ciglio, deciso rimbalza un elastico, risuona una ciocca di capelli sciogliendosi una voce chiara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...