Archivi categoria: Gay

Immotivata (?) omofobia


Perché sono omofobo? Purtroppo non sono riuscito, aimè, a trovare quel video in cui Grillini afferma che i bambini provocano col loro sguardo e atteggiamento le attenzioni degli adulti costituendosi così come fattore scatenante, se non addirittura come diretti responsabili, delle pulsioni e delle conseguenti azioni pedofile. Quella sarebbe stata un’eloquente spiegazione… . Fa niente, perché altra letteratura abbonda e andando a spulciare gli archivi si possono facilmente individuare molte connessioni fra il mondo omosessuale e quello pedofilo fino a poter dire che questi costituiscono, in realtà, quasi un unicum. Prima fra tutte le prove o almeno argomento a favore di quanto affermo è la consonanza tra Franco Grillini e i fondatori storici del Fuori, il Fronte omossessuale italiano sedicente rivoluzionario, vale a dire Angelo Pezzana e Mario Mieli. Mieli per esempio diceva già negli anni ’70: “Non possiamo raffigurarci l’importanza del contributo fornito alla rivoluzione e all’emancipazione umana dalla liberazione progressiva del sadismo, del masochismo, della pederastia propriamente detta, della gerontofilia, della zooerastia, dell’autoerotismo, del feticismo, della scatologia, dell’urofilia, dell’esibizionismo, del voyeurismo, ecc.)”. Anni in cui la lobby o forse allora solo l’ambito organizzato degli omosessuali italiani chiedeva già la “cancellazione di tutte le leggi che determinano una età per le relazioni sessuali consensuali”. E in quegli stessi anni il movimento omosessuale americano aveva un portavoce che, guarda caso, era anche portavoce del NAMBLA, la North American Man-Boy love Association, discussa e spesso accusata associazione di pedofili, ricca di affiliati coinvolti e perseguiti per atti di violenza sessuale nei confronti di minori; e questo portavoce diceva: “l’obiettivo ultimo del movimento di liberazione degli omosessuali è il raggiungimento della libertà di espressione sessuale per tutti, non solo per adulti gay e lesbiche, ma anche per i ragazzi e i bambini”. Non se basta, a me sì.

ps: comunque la cosa che più mi colpisce di Grillini è che ho letto, senza però riuscire a verificare la fonte, che a sette anni sarebbe scappato con la bidella della scuola, sedotta con una stecca di Nazionali senza filtro… sarà una bufala (che le Nazionali erano senza filtro)? boh!

Annunci

Grillini e la pedofilia


Grillini, il capo dell’Arcigay, il suo presidente onorario e il suo leader di fatto, ha manifestato in passato la sua “simpatia” per la pedofilia. Una simpatia mai esplicitamente dichiarata, in realtà, se non fosse stata detta e lasciata pubblicamente in una trasmissione televisiva, da Costanzo o a Porta a Porta… Qui diceva che “i bambini spesso, maliziosamente, provocano con lo sguardo l’adulto”. Ora però non riesco a trovare né la traccia né la trascrizione di quell’intervento. E mi sa che non è un caso. Se qualcuno ricorda, o ne hatraccia o lo ha archiviato, mi segnali per cortesia gli estremi dell’intervento. Grillini comunque credo sia manifestamente simpatizzante, nei fatti se non nella dichiarazione che più non si trova, della pedofilia. Perché Grillini, come la maggior parte degli esponenti di una lotta per la rivendicazione dei diritti degli omosessuali, tutte le volte che si tocca l’argomento omosessualità tira in ballo la pedofilia; e la sua argomentazione in risposta è: “guardiamo alla pedofilia nella Chiesa, invece… “. Perchè? E perché dice “invece”?

E’ nata prima la Lav, i verdi o la gallina?


Dialogo immaginario, a commento di una grigliata mista, con interlocutori della Lega antivivisezione (e simili). La carne, la carne sempre la carne: è un omicidio, una strage. Ed ecco i risultati di questa strage: già era pazza la mucca, oggi anche le galline in gabbia impazziscono e addirittura diventano cannibali e si mangiano fra di loro. Impressionante, mangerò maiale. I maiali sono costretti a rotolarsi tutto il giorno nel fango degli allevamenti: vergogna. E le scrofe? Pure loro poracce: ci vorrebbe anzi un 9 marzo, giornata della scrofa liberata dal giogo (o gioco) del fango. E le vacche da latte anche loro? Anche loro, le mucche (e non vacche che è dispregiativo) stanno lì tutto il santo giorno a farsi tirare le tette da chi le munge. E le oche allora. Così anche le oche, costrette a ingozzarsi per il fois gras. Va bene, allora mangio solo pesce. Sì, e i pesci poveretti con quell’amo in bocca? E’ Una tortura! Meglio vegetariani allora? Eh, si… e le carotine secondo te non sentono niente? E le foglioline d’insalata e le erbette che, si sa, crescono meglio con la musica classica? Va bene, vivrò di solo miele… E le api, sfruttate come povere operaie senza neanche un sindacato? … Va bene mi lascio morire lentamente e sia come Dio vuole. E la cassa da morto? Pinete intere abbattute per il tuo egoismo! Crematemi allora… Eh, sì, e lo spreco energetico per produrre tutto quel calore? Va bene lasciatemi morire di fame e imputridire nell’erba. Inquinatore, vergognati!
E allora vaffanculo…! Non si dice culo, si dice gay.